San Giustino Umbro, quattro giovani vite spezzate. Annullati tutti gli eventi

0

Quattro ragazzi morti è il bilancio di un tragico incidente stradale avvenuto nella notte tra venerdì e sabato nella zona di San Giustino Umbro, in provincia di Perugia. Si chiamavano Natasha Baldacci, che era alla guida, Gabriele Marghi, Nico Dolfi, tutti 22enni e residenti a Città di Castello, e Luana Ballini, 17 anni, di Monte Santa Maria Tiberina.

I quattro erano a bordo di una Fiat Punto che, in base a quanto ricostruito finora dai carabinieri della Compagnia di Città di Castello coordinati dal luogotenente Fabrizio Capalti , è finita fuori strada forse a causa del manto bagnato dalla pioggia. Sembra che venissero da una festa di compleanno e stavano andando in una discoteca di Sansepolcro. L’incidente è avvenuto lungo un tratto di strada rettilineo. L’auto è prima finita in una cunetta e quindi contro il muro di contenimento di un ponte. I giovani sono tutti morti sul colpo all’interno dell’abitacolo.

Il Comune di Città di Castello ha annullato in segno di lutto tutti gli eventi previsti. «Voglio esprimere intanto le condoglianze alle famiglie colpite da questo evento tragico che colpisce anche tutta la nostra comunità. Per questo è stato deciso di annullare tutti gli eventi organizzati per oggi dal Comune. Certamente è un momento difficilissimo per una comunità la quale si trova ad affrontare un avvenimento come questo» — ha detto in un videomessaggio il sindaco Luca Secondi —. Possiamo esprimere la massima vicinanza alle famiglie e il cordoglio per la vicenda che è successa. Questo è il momento in cui serve rispetto e serve la massima attenzione per il momento che stanno vivendo».

«Riposate in pace angeli della nostra comunità volati in cielo troppo presto, ciao ragazzi e ragazze» è invece il messaggio della società dilettantistica di calcio Gs Riosecco, frazione di Città di Castello, nella quale giocavano i due ragazzi.

Nel dicembre del 1999 altri quattro giovani morirono in incidente stradale avvenuto a poche centinaia di metri di distanza dal punto della tragedia della scorsa notte. Una lapide ricorda l’impatto tragico di 23 anni fa: un’utilitaria finì contro un albero, causando il decesso di un ventenne e tre diciottenni. Un quinto ragazzo di 18 anni riuscì invece a salvarsi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here