Roberto Tiezzi nuovo presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili della provincia di Arezzo.

0

“L’obiettivo costruire una professione sempre più autorevole” Eletti anche gli organi consiliari per il quadriennio 2022-2026

Si sono svolte lunedi 21 e martedì 22 febbraio le elezioni per il rinnovo degli organi consiliari dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili della provincia di Arezzo. Roberto Tiezzi è stato eletto nuovo presidente per il quadriennio 2022-2026. Eletto anche il nuovo consiglio di cui fanno parte: Carla Tavanti, Leonardo Misesti, Lara Vannini, Carla Vilucchi, Carla Giani, Jacopo Catalani, Massimiliano Brogi, Pietro Benedetti, Fabiola Polverini, Massimo Calvaruso.

Per il collegio sindacale eletti Rita Tatti, Barbara Borgnoli, Fabrizio Mascarucci.(sindaci effettivi). Cerofolini Maurizio, Simone Falomi (sindaci supplenti). Per la Commissione Pari Opportunità i nuovi membri sono Giovanni Grazzini, Stefano Lavorca, Duchi Sabrina, Chiara Baini, Eleonora Egidi, Nora Giorni.

Roberto Tiezzi, 56 anni, si è laureato in Economia e Commercio  all’Università degli Studi di Firenze. E’ Dottore commercialista  con studio gestito in associazione professionale e indirizzato in esclusiva all’attività di consulenza tributaria, commerciale, terzo settore e fallimentare.  Il neo presidente è consigliere dell’Ordine dal 2004 ed ha speso una vita al servizio della categoria. Tra le esperienze maturate è stato presidente UNGDC di Arezzo, segretario della Commissione Disciplina dell’Ordine per un mandato e delegato CNPADC per due mandati.

Tra le attività professionali che svolge c’è quella di revisore contabile per alcune importanti aziende operanti nel settore orafo, rifiuti, gestione ambientale, risorse idriche, consorzi, cooperative sociali ed edilizie, con qualifica di presidente del collegio sindacale. E’ curatore fallimentare e commissario giudiziale presso il Tribunale di Arezzo. Presso lo stesso Tribunale è anche consulente tecnico d’ufficio e delegato alle vendite per l’ufficio delle esecuzioni immobiliari. Tiezzi è, inoltre, gestore degli organismi di composizione delle crisi e responsabile di un primario centro di assistenza fiscale. Ricopre anche la carica di vice presidente e consigliere del cda di aziende operanti nel settore dei servizi tributari, contabili e centri di assistenza fiscale.

Dirigente provinciale  e nazionale di una primaria Associazione di promozione sociale di cui è stato presidente provinciale dal 2004 al 2013.

“Ho speso una vita per la categoria ed è un onore per me assumere il ruolo di presidente. Ringrazio gli iscritti per la fiducia – le prime parole di Roberto Tiezzi dopo l’elezione –  L’obiettivo che il nuovo consiglio vuole raggiungere alla fine del quadriennio è quello di contribuire a costruire una professione sempre più autorevole, ritenuta interlocutore affidabile dalle Istituzioni locali e nazionali, dinamica, attenta e dotata di una naturale tensione al cambiamento. Finita, ormai da tempo, l’era del commercialista mero “contabile” si è aperta quella del commercialista “imprenditore” a forte vocazione digitale. Potrebbe sembrare un ossimoro, in realtà le nostre conoscenze tecnico-giuridiche, messe al servizio dell’impresa, possono contribuire a generare ed immaginare nuovi orizzonti, nuove visioni e opportunità di lavoro e pertanto di sviluppo dell’economia e delle relazioni sociali. La veloce e naturale trasformazione della nostra attività, ha contribuito a rendere la figura professionale del commercialista come l’indispensabile protagonista nelle scelte aziendali” . Il presidente elenca quelli che saranno i punti programmatici che verranno poi approfonditi in una prossima conferenza stampa. “Sviluppare progetti formativi sempre più performanti attraverso l’indispensabile ausilio della nostra Fondazione della quale dovremo mantenere l’autonomia rispetto a proposte regionali di accorpamento in un’unica Fondazione regionale, rafforzare la collaborazione con le Pubbliche Amministrazioni, in particolare, Agenzia delle Entrate, Tribunale, Istituti Previdenziali ed Assistenziali, creare un rapporto di stretta collaborazione con la Camera di Commercio di Arezzo, attuare programmi di contrasto all’abusivismo ed agli abusi, all’uso improprio del titolo di Commercialista. Infine instaurare un canale informativo costante col Consiglio Nazionale per temi rilevanti per la categoria”.