“OltreCamera”: il primo ciak è domenica 3 aprile. A seguire, 400 giovani animeranno fino al 31 luglio una città trasformata in set

0

L’assessore Federico Scapecchi: “il Comune capofila di un progetto che restituisce ai giovani un legittimo protagonismo”
La data da segnare con il circoletto rosso è domenica 3 aprile. Di certo è nell’agenda dell’assessore Federico Scapecchi e di oltre 400 protagonisti. È il giorno del primo ciak della serie tv “Rumors” prodotta nell’ambito del progetto “OltreCamera”, che nei successivi mesi, fino al 31 luglio, trasformerà le strade di Arezzo in un set cinematografico. È il frutto della sinergia tra l’assessorato alle politiche giovanili e associazione Farrago, in partenariato con le associazioni Arezzo Che Spacca, Circolo Eureko, Oxfam Italia, I Care, Federazione degli studenti. “OltreCamera” ha partecipato al bando Anci “Fermenti in Comune” e ha ottenuto 120.000 euro quale co-finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale.

“Ricordo – ha sottolineato Federico Scapecchi – che l’amministrazione comunale co-finanzia il progetto e mette a disposizione, in comodato d’uso gratuito, un immobile per la troupe. Servirà da quartier generale per le riprese, a conclusione delle quali potremo vantare un prodotto che, grazie alla sua diffusione, diventerà innanzitutto veicolo di promozione. Ci troviamo di fronte a un esempio virtuoso di collaborazione in cui il Comune si è posto nella condizione di capofila di tanti soggetti che compongono il tessuto associativo aretino. Quello che popolerà le strade e i luoghi iconici della città non sarà un fiume di ragazzi ma una comunità con qualcosa da dire, un universo che rivendica, legittimamente, maggiore protagonismo. E allora non resta che dire: motore, azione!”.

“Si parla sempre di progetti giovanili – ha ribadito il presidente di Farrago e co-regista della serie Tommaso Caperdoni – come piani per salvare una razza in estinzione che non ce la farebbe da sola. Noi stiamo formando una comunità per dimostrare che il nostro posto nella società ha lo stesso valore di quello delle altre parti che la compongono. Abbiamo un piano chiaro e concreto: immaginiamo tra due anni un altro progetto da 400 persone, magari con una formula organizzativa diversa, con un budget sostanzioso tanto da poterle retribuire. Così si cambia una città”.

“La grande importanza di ‘OltreCamera’ – ha aggiunto Elisa Alvelli co-autrice del progetto e produttrice esecutiva – sta nel creare sinergie tra amministrazione e associazioni giovanili del territorio. Auspichiamo che tale esperienza porti il Comune a investire economicamente, soprattutto in vista della gestione del Pnrr, in progettualità di questo tipo. Per rendere la cittadinanza attiva nel miglioramento del proprio ambiente di vita”.

“Rumors” sarà un thriller-teen con concessioni al bizzarro, composto da 9 episodi da 35 minuti ciascuno. La piattaforma di distribuzione rimane top secret. Rivelati, invece, gli interpreti principali: Tommaso Bocconi (aretino, classe 2001), Valentina Bivona (anconetana, classe 2006), Gaia Ria (modicana, classe 2000). Nel cast, accanto a giovani e giovanissimi (tra i quali Marco Benelli, Niccolò Massi, Federica Volpi, Andrea Morello, Cecè Tripodo, Alessandra Bracciali, Agnese Bonarini), figurano attori di prestigio della scena teatrale aretina, come Andrea Biagiotti, Alessandra Bedino, Fernando Maraghini, Uberto e Amina Kovacevich, Riccardo Valeriani, Gianni Bruschi, Silvia Martini. Nei profili YouTube e Instagram di Farrago è disponibile un primo teaser-trailer. Che lascia una sensazione di oscurità e mistero. Ed evita qualsiasi spoiler.

“Il mondo della cinematografia indipendente – ha spiegato il co-regista Luca Bizzarri” – è pieno di ostacoli e difficoltà, soprattutto se non operi a Roma. Adesso abbiamo la possibilità di dire che il cinema può e deve essere fatto in ogni parte d’Italia, dove registi e attori abbiano una storia da raccontare. La Farrago ha questa opportunità e responsabilità, di far parlare. La coglieremo”.

La troupe è organizzatissima: i capi-squadra stanno dedicando al progetto tante energie, gestiscono le centinaia di ragazzi e creano un ambiente di scambio creativo. La produzione ci tiene a nominarli: Giada Santucci script supervisor, Filippo Rossi direttore della post-produzione, Antony Guerri direttore della fotografia, Thomas Bartolini primo operatore, Sara Dini capo-truccatrice, Nicola Catalani capo-costumista, Matteo Belardini secondo operatore e assistente di produzione, Mattia Tartaglia fonico in presa diretta e mix audio, Andrea Fumelli, Gianmaria Bronzi, Davide Mendez, Leonardo Ciapetti, Santiago Fernandez, Emilio Gatti composizione colonna sonora e sound design, Teresa Gavilli delegata per Circolo Eureko / Centro Onda d’Urto, Gemma Bui delegata per Arezzo Che Spacca.