NIENTE ZAMPILLI E SUDICIO DI MOLTO

3

di maurizio bianconi


A me me ne succede sempre una. Stevo cusi’ bene su al poggio, alla frescura,  guardevo l’ucillini quant’eron billini e me pintìo d’avenne amazzi tanti.  Stevo li’ e nissuni me rompìa i coglioni.  Come v’ho ditto, ’gni tanto viniva il citto de la mi citta a frescheggiare e se ragionava,  anco se si ero lu’ con quela sventela de citta che portava quassue, col cazzo che stevo  a ragionere  cor un vecchio come me.  Pe’un la fa lungacome la coda d’un somero,  la vecchia ha volsuto attornare a Rezzo. ” A facce che? ’gno ditto-So quassue frescheggio e laggiue ‘ ndo vedo?‘ ‘Volgo attornere -t’ho ditto – arvedo la citta,  le mi’amiche e faccio du passi ne le lastre. De sta quie fra i busaloni e i cignali me vinuto sui zibidei. Te pu vire a frescheggiare al parco, pu’ fora vedi le fontane coi zampilli che te son sempre piaciute un fottìo. Vedare’el parco l’han misso tutto novo  pulito. L’han ditto a la tele che te un la guardi mei, rusteco come sei. Nveci c’era il sindeco ngegneri quelo con quello svolazzo de capelli che par doddici e quelaltro che un son piu’ amici,  co na testa come na palla del biliardo che predicheveno che avion fatto,  ditto e compagnia che ‘l parco ora era meglio che ‘l giardino de la villa dei marchesi Albergotti,  quande c’ero al servizio. ’Detto fatto. M’hano apporto a Rezzo e so ito al giro anco io fra le lastre a vedere le fontene e i zampilli.  Alora:zampilli manc’uno, buche vote tante.   Ce so armasto perche’pensevo ‘co le lezioni che ce son ora vedare’ che schizzi’. Una sega. Eron sciutte come le pocce de na scrofa vecchia. Me so intristito de piue,  perche’ vuliva dire che se manco le lezioni l’aviono smossi su queste bischerate,  ma che a la gente la fa contenta,  vulia dire che de noi ungnimporta na  sega nulla mei,   e che s’ha sempre nel sottocoda. Me sintio un po’mbruttito e npo’no, perche’ i zampilli son nfondo nfondo na bischerata,   anco se le magagne,   come dicia el mi poro bebo, s’arconoscon  sempre da le cose pichinine,  e piu ‘ son picine piu’ son grosse le magagne. ’ Ma -me son ditto -ora vado al parco,  me poso li’ a la merigge,   come si fossi lassue,  tanto han ditto,  han fatto,  hanno arpulito. Anco si un vano piu’ d’acordo,   son sempre il primo e il secondo de Rezzo,   uno ngegnieri  uno geometro,  che sarebbe ngegneri,  ma meno. ’So entro al parco e so vito subbeto a l’acqua. Senza zampilli,   n’aivo bisogno d’aguardalla. Un bestemmiai perche’ da quando so guarito dal brutto mele ho fatto ‘l voto,  ma na risia cundita bene ce steva.  Ce mancava la merda a galleggiere, eppu’ c’era gni cosa.   Carte,  latte,  bocce,   giorneli,   bucce d e coccomero e via cusi’.   Un soe schizzignoso,  ma da vomitere.  So ito piu’ n ‘lae e nterra la stessa solfa.  Da non guardere,   da vi via de volata. Ma alora alla tele c’han ditto? Che scialacquono i guadrini se poi un son manco boni de fere spazzere   o de aguardere  perche’le teste de cazzo un ne smerdino gni cosa? A vire alla tele son tutti boni specie adesso co le lezioni.  Ma pue,  finita la festa, in culo ala Madonna.  So torno a chesa ho ditto ala vecchia che se un m’apportavano al poggio,  chiamavo la Misericordia e me ce facevo portare da loro. ”Lo sapete come m’ha ditto,  ‘meglio el SIM’ e e’ ita via.  Cosi’per via de la vecchia e l’ngegneri l’ho preso,  ora lo dico,  nel culo a tuttofoco.  Le’ un la posso amazzere ,  ma lu a chesa ce lo posso far attornare.