Un governo di dilettanti per rovinare le società dilettantistiche

0

MUGNAI (FORZA ITALIA): NO ALLA ABOLIZIONE DEL VINCOLO SPORTIVO COME PREVISTO DALLA RIFORMA DELLO SPORT FIRMATA SPADAFORA. SI ALLA DIFESA DEL CALCIO DILETTANTISTICO E DELL’ATTIVITA’ DELLE SCUOLE CALCIO.

“Sono profondamente contrario alla scelta del Governo “Giallorosso” e del Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport, Spadafora di procedere con la Riforma del Settore Sport alla abolizione del cosiddetto vincolo sportivo nei rapporti fra giocatore e club. Per molti anni sono stato un calciatore nei campionati dilettantistici della Toscana e pertanto ho una qualche conoscenza diretta di questo importante mondo. L’idea dell’Esecutivo è purtroppo quella della progressiva cancellazione del vincolo del cartellino anche a livello dilettantistico. La Lega Nazionale Dilettanti, lo sappiamo bene grazie all’impegno del nostro collega Deputato di Forza Italia, Cosimo Sibilia e attuale Presidente della LND, si è già dichiarata totalmente contraria a qualsiasi variazione delle norme attualmente in vigore, che regolano questi ambiti dell’attività sportiva. Sarà bene quindi difendere con forza gli interessi di ogni società.”

“Sono quindi, e saremo tutti impegnati come Forza Italia nella battaglia a sostegno della posizione di tutte le Società dilettantistiche che in queste ore stanno facendo sentire il loro grido di protesta contro l’abolizione del vincolo sportivo. Le norme sul vincolo presenti nei decreti attuativi della Riforma Spadafora rappresentano un grave pericolo ed ostacolo alla vita del calcio dilettantistico e quindi per tutto l’intero mondo dell’attività giovanile. Le regole attualmente in vigore sul tesseramento sono ad oggi l’unica vera stabile certezza per ogni società, e aggiungo, a mio avviso, anche per i singoli atleti “in erba”. Il Sottoscritto e Forza Italia saranno in prima fila in questa battaglia in difesa dello sport, del calcio, dello sviluppo sportivo e della formazione dei nostri giovani.”

Stefano Mugnai, vice Presidente del Gruppo Forza Italia alla Camera dei Deputati