La Fondazione Arezzo Intour presenta il report delle attività 2022

0

Dati e numeri che fotografano il grande lavoro di promozione territoriale e raccontano di un anno di risultati importanti e nuove sfide da affrontare

Il volume è disponibile e scaricabile all’indirizzo https://www.arezzointour.it/annual-report/

Un anno di risultati importanti e nuove sfide da affrontare: per la Fondazione Arezzo Intour è un bilancio assolutamente positivo quello che emerge dall’ Annual Report 2022.

Dati e numeri che fotografano il grande lavoro di promozione territoriale e raccontano di una crescita costante e continua che si attesta a +33 per cento di presenze turistiche rispetto al 2021. Sono 502.491 le presenze registrate nel 2022 con il mese di agosto e il mese di dicembre che hanno toccato livelli da record. Tornano anche i viaggiatori dall’estero con un +103 per cento di arrivi in più rispetto al 2021.

Per l’intero 2022 la destinazione Arezzo è stata al centro di una costante azione di comunicazione basata su un “media mix” creativo e originale studiato per coinvolgere sia canali più tradizionali quali stampa, web, radio e tv sia attività meno convenzionali.

Oltre alle campagne di promozione (online e analogiche) rivolte alla stampa turistica, è stato sviluppato un piano di marketing territoriale che ha interessato tutti i canali web gestiti dalla Fondazione a partire da Discover Arezzo, il portale di destinazione.

Fra le curiosità, nell’anno 2022 è stata realizzata una campagna stampa rivolta ai viaggiatori di lingua tedesca che ha presentato Arezzo su riviste specificatamente dedicate agli amanti dei viaggi e dell’Italia, è stato attivato un accordo quadro con il gruppo Cairo editore che in Italia vanta il principale bouquet di riviste di settore.

 

Importantissima poi l’attività fieristica con la Fondazione Arezzo Intour impegnata nei maggiori appuntamenti internazionali come il Salon Destinations Nature di Parigi, il Salone IDWEEKEND di Nizza, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, il TTG Travel Experience – Rimini, il Buy Tuscany di Livorno e il World Travel Market di Londra.

 

Tra le iniziative promozionali ricordiamo quella che ha portato ad allocare alcuni pannelli nell’area dedicata agli arrivi internazionali degli aeroporti internazionali di Pisa e di Perugia.

Grande visibilità alla città è stata poi offerta da prestigiose collaborazioni messe a punto dalla Fondazione Arezzo Intour come la riconferma ad Arezzo della produzione della serie tv Mediaset “Fosca Innocenti”.

 

Per quanto riguarda lo sviluppo dell’outdoor, nel 2022 ha preso il via un importante progetto di coprogettazione che interessa la Riserva di Ponte Buriano e Penna e che vede protagonisti la Fondazione Arezzo Intour e Aquaterra SSD rafting.

Insieme alla Fondazione Arezzo Comunità si è poi data nuova vita al palazzo di via Pellicceria che accoglie adesso il “Polo delle Economie Immateriali”.

Invece risale allo scorso dicembre l’avvio di “Musei di Arezzo”, progetto che parte dalla sigla di un accordo tra la Direzione regionale musei della Toscana del MiC e la Fondazione Arezzo Intour per dare il via a un nuovo modello di gestione del sistema museale cittadino.

 

Importante infine il piano di comunicazione strategica che ha accompagnato la Fiera Antiquaria e “Arezzo Città del Natale”, evento che ha fatto registrare il record assoluto di presenze nel mese di dicembre grazie anche ad un lavoro capillare che ha permesso a questa iniziativa di attestarsi come uno degli eventi clou dell’inverno italiano e ottenere il patrocinio del Ministero del Turismo.

 

La Fondazione ha poi puntato a far crescere i servizi cercando di migliorare l’informazione e l’accoglienza turistica e proponendo nuovi modi di visitare la città con prodotti turistici come “Arezzo Digital Detox”.

Nel 2022 l’Arezzo Destination Academy dedicata agli operatori ha proposto incontri sul turismo archeologico e formazione per le guide ambientali.

 

Massima cura è stata dedicata alla produzione dei materiali editoriali con la pubblicazione di guide mappe e un originale “catalogo” pensato per gli operatori turistici e i buyers che racconta il territorio. Sono stati tanti, infine, gli eventi che si sono avvalsi del servizio di biglietteria messo a punto dalla Fondazione Arezzo Intour.

 

“Il 2021 – commenta Simone Chierici presidente della Fondazione Arezzo Intour – si era chiuso a metà tra il rammarico di un anno non ancora “normale” e la soddisfazione di aver comunque conseguito ottimi risultati seppur tra mille difficoltà. Il 2022 è stato decisamente più “tranquillo”, consentendoci di svolgere la nostra mission con la serenità che ci era mancata nel biennio del covid e i risultati, senza voler peccare di presunzione, si sono visti.

Aldilà dei numeri davvero ragguardevoli, il 2022 è stato foriero di importanti novità in seno alla Fondazione che sta crescendo e che sempre più si sta rivelando come esempio virtuoso di governance, merito di un’amministrazione comunale che ha ideato e reso forte una realtà che da più parti viene presa a modello. Forti di questi risultati continuiamo a guardare avanti pronti a cogliere le nuove sfide che arriveranno. Il mio grazie al CDA, al direttore Rodolfo Ademollo e a tutta la squadra della Fondazione. Un gruppo di tenaci sognatori capaci di gettare sempre il cuore contro ogni ostacolo”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here