La “Battaglia di Scannagallo” immersiva e multisensoriale 

0

La Battaglia di Scannagallo immersiva e multisensoriale

Da sabato 19 novembre la Rocca di Marciano ospita un’installazione ipertecnologica per vivere da protagonisti la rievocazione. In mostra anche la collezione di armi rinascimentali.

Vivere la famosa Battaglia di Scannagallo in maniera immersiva, provando le stesse sensazioni di chi veramente l’ha combattuta. Un’esperienza che sarà possibile vivere da sabato 19 novembre, grazie all’iniziativa del Comune di Marciano della Chiana. “A partire dalle 18.30 alla Rocca di Marciano apriremo al pubblico – spiega Gionata Salvietti, assessore con delega ai lavori pubblici, innovazione tecnologica, cultura e turismo – un’installazione multisensoriale capace di catapultare gli utenti in mezzo a quegli eventi storici. Si tratta di una tecnologia innovativa che consente, attraverso un visore e interfacce sensoriali, la riproduzione tridimensionale e la percezione tattile in tecnologia immersiva a 360°, per un’esperienza davvero unica ed indimenticabile. Le immagini sono state girate in soggettiva, quindi sarà come essere protagonisti e attori della Battaglia”.

Gionata Salvietti, assessore con delega ai lavori pubblici, innovazione tecnologica, cultura e turismo

Il progetto parte da lontano, esattamente dal 30 e 31 luglio scorsi, quando, durante la due giorni di rievocazione della Battaglia a cura dell’Associazione culturale Scannagallo tra Pozzo della Chiana e Marciano, sono state realizzate le riprese dei video utilizzati per l’installazione ipertecnologica.

Una bella novità, destinata non solo ai tanti turisti che vogliono avvicinarsi al nostro territorio e alle sue peculiarità – dichiara Salvietti – ma anche agli studenti che vogliono approfondire in maniera originale ed ipertecnologica avvenimenti che hanno segnato profondamente la storia della nostra Regione”.

Parallelamente sarà possibile visitare, ospitata sempre nella splendida fortificazione cinquecentesca della Rocca di Marciano, la collezione di armi rinascimentali, curata dall’Associazione culturale Scannagallo.

EVEN MORE NEWS