I valori dello sport: dal Sud Sudan a Castiglion Fiorentino sullo stesso campo di calcio

0

Usare un linguaggio universale anche attraverso i valori dello sport si può

Dall’incontro di culture diverse può nascere qualcosa di importante che, in un certo senso, caratterizza anche la storia di quel paese. E questo Castiglion Fiorentino lo sa bene che negli anni ha sempre sostenuto e promosso gli scambi interculturali passando anche dal mondo sportivo. Nel 2015, infatti, lo stadio “Emanuele Faralli” ospitò la “Partita della Pace” tra Al-Ahli Hebron, squadra Palestinese, e l’Arezzo Calcio ed oggi, a distanza di sette anni, la U.S. Castiglionese ha intrapreso grazie al Commissario Tecnico  della Nazionale del Sud Sudan, Stefano Cusin, un ‘iniziativa di carattere sociale e sportivo che vede protagonisti tre giovani calciatori Nazionali del Sud Sudan, William Gama, Joseph Malish e Cristopher Ely Data, che da qualche giorno si sono aggregati alla rosa della Castiglionese per la preparazione di inizio stagione. Da sempre lo sport concepito in maniera sana ha la capacità di insegnare e farci apprendere condotte utili per la crescita personale. Il rispetto delle regole e la disciplina aiutano, sia nel campo sportivo che nella vita, a regolare il proprio comportamento; inoltre, l’etica sportiva comprende i valori della tolleranza, della lealtà, del rispetto reciproco sintetizzandoli nel concetto di fair play. Nei giorni scorsi i tre giovani calciatori del Sud Sudan, accompagnati dai dirigenti della U.S. Castiglionese nonché dall’allenatore della prima squadra, Roberto Fani, sono stati ricevuti dal sindaco Mario Agnelli. In un clima accogliente e di reciproca curiosità i 3 calciatori hanno raccontato le loro esperienze e di come si trovano nella nostra Città. Lo sport e in questo caso il calcio si è fatto “portavoce” dei valori di amicizia, di unione e di pace che nella nostra città hanno visto moltiplicarsi iniziative solidali verso Nazioni meno fortunate della nostra, grazie al grande Fabrizio Meoni, a Padre Arturo Buresti, a Don Giuliano Faralli, a Carlo Landucci che hanno fatto crescere esponenzialmente i valori della solidarietà e dell’umanità. Usare un linguaggio universale per raggiungere tutti gli uomini del mondo, può essere anche questa la nuova e importante missione dello sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here