Festival dei Cammini di Francesco, sei giorni lungo i sentieri tra Umbria e Toscana

0

Dal 2017 Progetto Valtiberina organizza e gestisce direttamente il Festival dei Cammini di Francesco con la volontà di promuovere i cammini francescani e le tematiche ad essi connesse (valorizzazione territoriale, confronto e dialogo circa le tematiche di sostenibilità ambientale, sociale ed economica). L’esperienza di Francesco e la sua testimonianza hanno da sempre ispirato il programma del Festival che, anno dopo anno, è cresciuto per complessità, tematiche trattate e pubblici raggiunti.

Le prime tre edizioni del Festival (2017, 2018 e 2019) hanno avuto come luogo centrale il bosco urbano allestito in Piazza Torre di Berta a Sansepolcro. Dal 2020 la necessità di adeguarsi alle nuove prospettive messe in campo dall’emergenza sanitaria Covid-19 ha costretto la nostra organizzazione a ripensare la struttura stessa del Festival dandoci così la possibilità di sperimentare nuovi percorsi.

L’edizione 2020 del Festival dei Cammini di Francesco è stata infatti caratterizzata da Cammin Facendo, evento ambizioso e coinvolgente che anche in un anno difficile ci ha permesso di dialogare per immaginare nuovi percorsi di crescita qualitativa dei territori e delle comunità. Dieci giorni di trekking che ci hanno condotto attraverso tutte le tappe del cammino Francescano nella tratta La Verna/Assisi. Cammin Facendo è stato un vero e proprio Festival dei Cammini di Francesco itinerante per scoprire il tracciato, i borghi, gli eremi e i paesi che ne segnano il percorso e per conoscere chi, lungo il cammino, ha fatto dell’accoglienza una missione, diventando figura di riferimento per pellegrini e turisti.

Questi due anni ci hanno insegnato ancora di più l’arte del cogliere le occasioni, in qualsiasi modo esse si presentino, per cercare di mettere a sistema idee, impegno e voglia di concretizzare gli obiettivi. Così anche nel 2021 abbiamo deciso di proporre nuovamente un Festival dei Cammini in modalità itinerante. La quinta edizione – svoltasi dal 23 al 30 agosto 2021 – è stata incentrata sulla scoperta dei territori dell’Alta Valle del Tevere umbra e della Valtiberina toscana. Un nuovo Festival itinerante che partendo da Città di Castello e passando per Sansepolcro, Pieve Santo Stefano, La Verna, Caprese Michelangelo, Anghiari e Citerna, ha permesso di tracciare un filo rosso che ha saputo unire fisicamente e concettualmente i luoghi simbolo del passaggio di Francesco. Sostenibilità, Ambiente e Bene Comune hanno anche in questa edizione rappresentato la bussola che ha guidato i nostri passi verso lo sviluppo qualitativo del territorio e delle comunità.

Nel corso delle prime 5 edizioni sono stati numerosi gli artisti, gli studiosi, gli esperti che hanno partecipato al Festival dei Cammini di Francesco tra i quali ricordiamo: Lella Costa, Stefano Mancuso e Deproducers, Banda Osiris, Telmo Pievani, Massimo Cacciari, Giancarlo Giannini, Nicola Piovani, Michele Placido, Stefano Zamagni, Roberto Fabbriciani, Michele Serra, Giobbe Covatta.

Progetto Valtiberina sta già lavorando alla pianificazione dell’Edizione 2022 del Festival. Un’edizione immaginata a partire dall’esperienza maturata negli ultimi anni e che, quindi, si caratterizzerà ancora una volta per una forte diffusione territoriale. Ambiti urbani e territorio, approfondimento e spettacolo dal vivo, tradizione e innovazione. Questi gli ingredienti grazie ai quali stiamo definendo un programma contenutisticamente omogeneo che sappia però intercettare e coinvolgere ampie e diversificate fasce di pubblico.

La sesta edizione del festival dei Cammini si svolgerà in due fine settimana consecutivi a cavallo tra il mese di agosto e quello di settembre 2022. Il programma prenderà avvio infatti il giorno 26 agosto da Citerna (PG) per poi procedere con: 27 agosto Sansepolcro (AR), 28 agosto Caprese Michelangelo (AR), 02 settembre Pieve Santo Stefano (AR), 03 settembre Sansepolcro e chiusura, il giorno 4 settembre, a Città di Castello (PG).

Il programma dell’edizione 2022 del nostro Festival sarà dedicato al “Cambiamento”.

Cambiamento sembra infatti essere ormai diventato il termine più diffuso con cui descriviamo la contemporaneità. Cambiamento climatico, cambiamento economico, sociale, politico. Cambiamento degli equilibri internazionali, cambiamento dei sistemi comunicativi e relazionali. Cambiamento dei rapporti tra individuo e comunità e cambiamento degli spazi fisici e digitali in cui questo rapporto si realizza.

Cambiamento può assumere molti differenti significati, alcuni tra loro simili, altri invece profondamente distanti, spesso contraddittori. Fondamentalmente Cambiamento è un termine ambiguo che acquisisce significato e valore unicamente se interpretato dalla prospettiva – soggettiva e parziale – di colui che lo utilizza o lo agisce.

Cambiamento può generare catastrofi e rinascite, paure e speranze, immobilismo e rivoluzioni. Il Cambiamento può essere subito o perseguito, negato o accolto, scongiurato o generato.

Una cosa però è certa. Ogni processo di costruzione di visioni future deve inevitabilmente considerare un costante confronto con il Cambiamento. Il Cambiamento deve infatti essere osservato, compreso, vissuto. Per questo motivo all’interno del festival dei Cammini di Francesco 2022 abbiamo deciso di Percorrere il Cambiamento.

Lo percorreremo insieme a uomini e donne che raccontano e documentano quotidianamente il Cambiamento. Percorreremo il Cambiamento accompagnati da chi ha saputo anticiparlo e da chi ha fatto del Cambiamento un modello di vita e di crescita personale, comunitaria, economica e culturale.

A seguire, riportiamo dei brevi cenni relativi ad alcuni degli eventi già confermati per l’edizione 2022 del Festival dei Cammini:

NOAM BEDEIN

Fotoreporter israeliano, si occupa di documentare le conseguenze del cambiamento climatico in Israele e in particolare in un luogo tanto unico quanto fragile come il Mar Morto.

Partendo dalle migliaia di immagini scattate in loco negli ultimi anni, realizza mostre fotografiche e presentazioni multimediali che raccontano il cambiamento climatico e in particolare le sue conseguenze nell’ecosistema delle acque. Le sue foto vengono scattate nel corso di spedizioni in barca a cui è possibile partecipare e per il suo lavoro ha ricevuto riconoscimenti dalla NASA, da National Geographic, dalla CNN/VR e dall’associazione israeliana ‘Saving the Dead Sea’.

ANDREA PURGATORI

Giornalista e sceneggiatore, dal 2017 conduce il programma “Atlantide. Storie di uomini e di mondi”, in onda su La7 vanta nel suo curriculum anche un forte impegno ambientalista, che l’ha portato a diventare, nel 2014, presidente della sezione italiana di Greenpeace. I suoi sforzi si sono concentrati soprattutto sulle inchieste e i reportage riguardanti casi di terrorismo degli anni di piombo, sulle stragi (dal caso Moro a Ustica), sui delitti di mafia e suoi conflitti internazionali: ha infatti raccontato la guerra in Libano del 1982, la guerra tra Iran e Iraq degli anni Ottanta, la guerra del Golfo del 1991, l’Intifada e le rivolte in Tunisia e Algeria. Oltre che per il giornale fondato da Viollier, ha scritto anche per l’Unità, Vanity Fair, The Huffington Post e Le Monde diplomatique.

FRANCESCA MANNOCCHI

Giornalista freelance che da anni si occupa di conflitti in medio oriente e migrazione, scrive per L’Espresso e collabora con numerose testate, italiane e internazionali. Ha realizzato reportage da Iraq, Libia, Libano, Siria, Tunisia, Egitto, Yemen, Afghanistan con cui ha vinto vari premi giornalistici tra cui il Premio Ischia, il Premio Giustolisi e il Premiolino 2016. È stata finalista al Kurt Shork Journalism Award 2017, al Fetisov Award for Journalism nel 2019, al Premio Luchetta, al Premio Ilaria Alpi e al DIG Award. Ha diretto con il fotografo Alessio Romenzi il documentario Isis, Tomorrow presentato alla 75a Mostra internazionale del Cinema di Venezia.

A seguire, riportiamo la bozza provvisoria di programma del Festival dei Cammini di Francesco 2022 nella quale, oltre a quanto sopra già presentato, riportiamo gli eventi attualmente in fase di definitiva conferma.

26/08 Citerna

18:00 Inaugurazione Festival con Fondazione Progetto Valtiberina e Rondine.
Incontro con Noam Bedein e inaugurazione della mostra che rimarrà attiva durante tutto il periodo del Festival presso Sala degli Ammassi.

21:30 Spettacolo serale “Flower Power” di e con Alessandra Viola presso Piazza Scipione Scipioni.

27/08 Sansepolcro

18.00 Presentazione del libro “Sorella Economia” di e con l’autore Marco Auselle. Presentazione del libro “ Un’impresa possibile” di e con Paolo di Cesare e Eric Ezechieli presso Chiostro di Santa Chiara.

20:00 Cena spettacolo presso ex magazzini tabacchi Sansepolcro

28/08 Caprese

21:30 Incontro con Andrea Purgatori presso Il Castello di Caprese.

02/09 Pieve Santo Stefano

18:00 “Breviario per un confuso presente” Incontro con Corrado Augias presso Logge del Grano.

21:00 Serata in musica con “Quartetto Fancelli” presso Logge del Grano.

03/09 Anghiari

18:00 Incontro con Professor Claudio Santori e Umbra Lucis presso Piazza Mameli.

21.30 Incontro con Valerio Aprea e Makkox presso Piazza Mameli.

04/09 Città di Castello

18:00 Incontro con Francesca Mannocchi presso Logge di Piazza Matteotti

21:00 Musical “Forza venite gente” presso Teatro degli Illuminati

Tutte le giornate del Festival saranno inoltre completate con passeggiate e laboratori aperti al pubblico che stiamo progettando in collaborazione con le realtà attive nei territori che attraverseremo.