Disabilità in Valdichiana: “Progetto di vita tra prospettive e cambiamenti” di scena questa mattina allo Spina

0

Disabilità in Valdichiana: “Progetto di vita tra prospettive e cambiamenti” di scena questa mattina allo Spina. 

Confronto tra Enti Pubblici ed operatori privati

“Negli anni Castiglion Fiorentino si è distinto per i tanti progetti d’inclusività a favore delle persone con disabilità e le loro famiglie. A partire dalla ‘Casa di Pinocchio’, una struttura nata in sinergia tra Asl, Comuni e Terzo Settore che promuove percorsi d’integrazione sociale e di vita indipendente terminando con i progetti d’inclusività museale divenuti, anche, un’occasione di confronto e condivisione di esperienze con altre realtà museali anche internazionali. Tutti i progetti portati avanti nella nostra zona sono il frutto della fattiva collaborazione tra enti ed istituzioni coinvolte che hanno messo sempre al centro di tutto la persona. Negli anni i servizi si sono modificati ed adattati alle nuove normative ma il filo conduttore è il riconoscimento del diritto all’autodeterminazione della persona disabile. Ad essa, infatti, deve essere cucito un abito su misura perché deve essere calato sulle sue esigenze, aspettative e capacità.. Tutto deve partire dall’ascolto della persona per raggiungere la piena ed effettiva inclusione realizzando un vero e proprio progetto pensato con la persona sulla base delle sue aspirazioni e capacità”.

È questo il quadro generale illustrato questa mattina dall’assessore alla Sanità e Politiche Sociali del comune di Castiglion Fiorentino, Stefania Franceschini, durante il convegno che si è svolto allo Spina.  Si è trattato di un confronto tra Enti Pubblici ed operatori privati sulla disabilità in Valdichiana. L’Azienda USL Toscana Sud-Est (Zona Valdichiana Aretina), a seguito dell’approvazione da parte della Conferenza dei Sindaci (Delibera n°1/2021), aveva indetto un’istruttoria pubblica rivolta ai soggetti pubblici e del privato che operano nel settore del sostegno e supporto alle persone disabili; A seguito dell’avviso nell’anno 2021 furono effettuate le procedure di manifestazione di interesse, e dal 2021 ha lavorato e co-progettato con alcune cooperative, fondazioni e associazioni al fine d’individuare percorsi di sensibilizzazione, informazione, accompagnamento e sostegno ai soggetti con disabilità e i loro familiari. Questa giornata ha voluto, infatti,  raccontare, con una fotografia alle famiglie, il panorama dei servizi presenti e le possibilità di cambiare la prospettiva degli stessi nel tempo mettendo al centro il tema del diritto all’autodeterminazione del soggetto disabile. “La giornata” – affermano gli organizzatori – “ha avuto anche lo scopo di mettere insieme le famiglie dopo un lungo periodo di distanza, perché anch’esse diventino, così, parte attiva attraverso le associazioni nella co-progettazione dei “progetti di vita” dei figli con il territorio, l’azienda ASL e il terzo settore”. “”Ringrazio gli organizzatori del cono segno ma anche tutti gli operatori del settore che quotidianamente mettono a disposizione la loro preziosa professionalità, competenza ed esperienza per far si che tutto questo possa essere portato avanti nel migliore dei modi” ha concluso l’assessore Franceschini.

 

foto palco .jpg

EVEN MORE NEWS