Covid, terapia intensiva vuota al San Donato

0

COVID, VUOTA LA TERAPIA INTENSIVA DEL SAN DONATO
L’ultimo dei pazienti trasferito due giorni fa. Restano alti, invece, i numeri per ricoveri dovuti ad altre patologie

Scende il numero dei ricoverati per covid-19 non solo in Toscana ma anche al San Donato di Arezzo. La terapia intensiva per malati covid è vuota. L’ultimo dei pazienti, infatti, è stato trasferito due giorni fa. «Ci sono sempre meno ricoverati covid – spiega la dr.ssa Raffaella Pavani, direttore Anestesia e Rianimazione Ospedale San Donato di Arezzo e responsabile dell’area dipartimentale Area Est -. Nel gennaio di quest’anno i pazienti ricoverati per covid sono stati solo 10 contro i 45 dello stesso mese del 2022. Il periodo covid lo ricordo come una esperienza che ci ha cambiato in termini professionali e umani. Ci sono stati tanti momenti di paura, tanta stanchezza fisica che abbiamo sentito dopo il periodo clou».
Non c’è però solo il covid. «La terapia intensiva riservata ai malati covid oggi è vuota – prosegue Pavani – ma il carico di lavoro non è diminuito. Nel nostro reparto negli ultimi mesi hanno fatto il loro ingresso tanti pazienti con insufficienza respiratoria. Un numero più alto rispetto agli anni precedenti, come quello delle influenze. Il carico di lavoro, se guardiamo i numeri, è raddoppiato rispetto al periodo covid, ma con la mia equipe riusciamo a dare sempre risposte agli utenti».
«Nel reparto abbiamo messo a disposizione più letti – prosegue – Nell’ultimo mese il tasso di occupazione in reparto è stato del 103 per cento. A gennaio abbiamo registrato complessivamente 100 pazienti mentre in periodo precovid se ne avevano poco oltre i 50. E i ricoveri effettuati sono tutti appropriati. Abbiamo sempre cercato di rispondere al meglio e per fare questo il personale si è impegnato al massimo per rispondere alle esigenze dei pazienti».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here