Comune di Arezzo. Liste e candidati

2

di Maurizio Bianconi

C’è chi si stupisce della candidatura del Breda (Roberto Bardelli) per via delle cazzate dette e rese note e di quelle fatte.

Io no: rientra nello schema della vocazione all’inopportunità dell’assenza di eticità, del concetto di Comune come cosa nostra, privata, di chi ritiene che essere di dx ‘’essere iscritto alla lega” avere un rapporto importante col candidato sindaco (pessimo esempio anch’esso in quanto a opportunità ed eticità) siano bastevoli per riproporsi dopo le miserande vicende di cui si è reso protagonista.

E mi dispiace per gli anni di comune militanza e perché l’ho sempre valutato un buon citto. Quanto al perché Ghinelli l’abbia accolto, nessuno si pone la vera domanda: perché Ghinelli protesse l’insolita richiesta del Breda per l’affido finanziario e perché in pieno agosto, si mosse da Arezzo e fece muovere Mugnai da Capalbio per parlare del Breda, in una Siena assolata.

Se era cosa semplice, un sindaco e un deputato, d’agosto stanno dove sono. Ma ormai siamo abituati a tutto. Ovvio che prescindo dalle indagini, perché vorrei tutti innocenti e la magistratura lontana dalla politica.

,