Armi e droga: la Polizia di Stato arresta un ventinovenne italiano.

0

Nell’ambito di predisposti servizi volti al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, investigatori della Squadra Mobile della Questura di Arezzo, con l’ausilio di personale della Sottosezione di Polizia Stradale di Battifolle, hanno tratto in arresto un cittadino italiano di 29 anni, colto in flagranza dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione illegale di armi.

A seguito infatti di un normale controllo effettuato all’altezza della stazione di servizio di Lucignano est, l’uomo tradiva un certo nervosismo e si mostrava decisamente insofferente. Tale circostanza insospettiva gli operatori che, attratti anche dal forte odore di sostanza stupefacente proveniente dall’abitacolo, decidevano di sottoporlo a perquisizione.

L’atto dava esito positivo perché permetteva di rinvenire, confezionate con il singolare stemma del bitcoin, 20 dosi di sostanza stupefacente del tipo hashish, pronte per essere commercializzate, per un totale di oltre 200 grammi.

La successiva perquisizione effettuata nell’abitazione del soggetto dagli uomini della Squadra Mobile  dava modo di rinvenire una coltivazione artigianale di sostanza stupefacente, nello specifico una serra ipodronica artigianale con all’interno 6 piante di marijuana ed ulteriori 100 grammi di marijuana essiccata, oltre che numerosi bilancini di precisione e materiale per il confezionamento.

Inoltre, in una stanza ad uso esclusivo dello stesso uomo, veniva rinvenuta una pistola di probabile provenienza straniera perfettamente funzionante, ulteriori tre fucili, risultati provento di un furto in abitazione effettuato a Pergine Valdarno nel 2019, e numerose cartucce calibro 9 x 21 e 357 magnum.

Tutto il materiale veniva quindi posto sequestro in attesa degli ulteriori accertamenti da esperire.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here