Al via il portale “Anni Magici” la banca dati delle baby sitter del Comune di Arezzo

0

Lucia Tanti: “un portale che apre la strada ai servizi domiciliari per l’infanzia, così anche la ‘tata’ è parte del progetto educativo municipale. Codice deontologico, stage formativo presso l’ufficio servizi educativi, corsi di formazione continui. Mano tesa ai laureati in scienze della formazione anche per aprire nuovi servizi”

Un portale dove poter scegliere la baby sitter “non alla cieca” garantendo alle famiglie che chi è in quella lista è personale qualificato e certificato, che ha prima seguito uno stage formativo nei servizi municipali e che sarà coinvolto in tutti i percorsi di aggiornamento professionale che il Comune, grazie alla collaborazione dell’Università di Siena, mette a disposizione degli educatori della città di Arezzo siano essi municipali, statali o del privato accreditato.

“Quello che abbiamo messo in piedi – commenta il vicesindaco Lucia Tanti – è un piano che apre ai servizi educativi domiciliari dando sostegno alle famiglie in una scelta fondamentale: decidere un percorso ludico-ricreativo per i figli a casa propria, senza però rinunciare a sicurezza e competenza. Del resto scegliere la baby sitter non raramente è un terno al lotto e questo espone le famiglie a mettersi in casa persone con le cosiddette referenze del ‘sentito dire’ e qualche volta persone che ‘guardano’ i bambini ma non hanno grandi competenze in ambito ludico ricreativo. E questo è una mancata occasione di crescita.

“In un tempo come il nostro, del resto, non sempre i servizi educativi municipali e statali si adattano agli orari di genitori che hanno occupazioni atipiche, irregolari, part time in continuo cambiamento e meno ancora si adattano a chi è una partita i.v.a. o ha un lavoro in proprio. Il rischio è che queste famiglie si trovino sole davanti alla scelta di una baby sitter. Ecco, noi con il portale Anni Magici abbiamo voluto garantire due punti essenziali: ai genitori la possibilità di accedere a un portale che elenchi nomi qualificati che s’impegnano non solo verso la singola famiglia ma anche verso il Comune di Arezzo, ai molti professionisti dell’educazione di poter essere inseriti comunque in un percorso municipale che offre loro, gratuitamente, l’opportunità di stage presso le scuole e di seguire i corsi di aggiornamento professionale. Con questo nuovo progetto prende definitivamente corpo il disegno complessivo del modello educativo del Comune di Arezzo: più assunzione nelle scuole municipali, circa 40 nuovi educatori a tempo indeterminato in poco più di 5 anni, affidamenti al privato sociale costruiti su bandi estremamente esigenti, accordo quadro con le scuole statali per i ‘pomeriggi insieme’, fondo di sostegno per i dopo scuola alle famiglie con situazioni economiche critiche, nuove scuole in costruzione, dal nido Colombo all’asilo di Tortaia, fino alla nuova Cesalpino, liste di attesa ‘quasi’ a zero, accordo con l’Università di Siena per la formazione degli educatori, adesso il ‘piano’ per la risposta domiciliare. Se è vero che i luoghi educativi, nidi e scuole materne, sono di per sè insostituibili, è altrettanto vero che è compito di un’amministrazione andare incontro alle esigenze delle famiglie e sostenerle anche quando scelgono percorsi individuali o domiciliari secondo il principio che la libertà di scelta prevale su ogni assetto organizzativo. Nel portale, inoltre, saranno scaricabili tutte le regole per aprire nidi e asili domiciliari: l’ufficio scuola sarà una sorta di consulente. Dalla prossima settimana sarà online lo spazio dedicato al progetto”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here